Appuntamenti

<<nov 2014>>
lmmgvsd
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Statuto Comunale del PD

Art. 1 Premessa

1.1 L’Assemblea Comunale del PD di Poggibonsi si riconosce nello Statuto nazionale e ne fa proprie tutte le disposizioni in esso contenute.

1.2  Il PD di Poggibonsi fa propri i “valori” ed i “principi” contenuti nel regolamento nazionale e riconosce nelle iscritte e negli iscritti, nelle elettrici e negli elettori ai sensi dell’Art. 2 dello Statuto nazionale, i soggetti fondamentali della vita del partito.

Art. 2 Composizione dell’Unione Comunale del PD di Poggibonsi

2.1 L’Unione Comunale del PD di Poggibonsi è composta dai 6 Circoli territoriali: circolo 1, circolo 2, circolo 3, circolo 4, circolo 5 (Bellavista) e circolo 6 (Staggia Senese).

L’Unione Comunale del PD di Poggibonsi ha sede a Poggibonsi (SI) in Via Pieraccini n. 15.

2.2 Gli organismi dirigenti dei Circoli sono: l’assemblea degli iscritti, i delegati ed il coordinatore.

I coordinatori di  circolo avranno il compito di coinvolgere nella esecuzione di loro compiti tutti gli eletti e gli iscritti ai loro circoli attuando così un principio di partecipazione di tutti nella responsabilità della vita del PD di Poggibonsi

2.3 Vista l’organizzazione territoriale e considerate le modeste dimensioni di ogni circolo, in deroga a quanto stabilito dallo Statuto nazionale, i circoli saranno finanziariamente gestiti dall’Unione Comunale ed ogni operazione confluirà nel bilancio dell’Unione Comunale.

2.4 Ogni modifica sulla composizione dell’Unione Comunale dovrà essere approvata dall’Assemblea Comunale con la maggioranza dei due terzi degli aventi diritto. La risoluzione viene presentata dal segretario dell’Unione Comunale o da un numero di componenti l’assemblea non inferiore al 20 per cento.

Art. 3 Organismi dirigenti dell’Unione Comunale PD di Poggibonsi

3.1 Gli organismi dirigenti dell’Unione Comunale PD di Poggibonsi sono: l’assemblea comunale, il segretario, il tesoriere, il comitato esecutivo, il consiglio dei garanti.

3.2 L’assemblea comunale è costituita mediante l’elezione dei delegati ed ha il compito di eleggere il Segretario Comunale, è il primo e riconosciuto organo collegiale del PD di Poggibonsi e rappresenta il luogo ideale e primario delle discussione e delle decisioni sulle scelte politiche che il PD di Poggibonsi sarà chiamato a compiere.

Questo luogo di discussione deve essere considerato da tutti il luogo dove portare la discussione sugli importanti temi che riguardano la politica nazionale e la città di Poggibonsi.

L’Assemblea Comunale è presieduta da un Presidente eletto dalla stessa che avrà il compito di convocare l’assemblea, di redigerne, sentito il Segretario Comunale, l’ordine del giorno e di presiedere la stessa.

Sarà in ogni caso tenuto a convocare l’Assemblea Comunale quando verrà a lui richiesto da un numero di componenti l’assemblea non inferiore ad 1/5 dei componenti la stessa.

Ogni componente dell’Assemblea Comunale si impegna ad esprimere una partecipazione costante ed attiva al lavoro.

L’Assemblea Comunale deve essere composta, nella sua interezza, per metà donne e per metà uomini. Il riequilibrio, quando necessario, si opera all’atto dell’insediamento dell’assemblea garantendo che sin dalla prima votazione, cui essa debba adempiere, la sua composizione risulti paritaria.

Fanno parte dell’assemblea per funzione: il segretario, i coordinatori di circolo, il segretario dell’organizzazione giovanile, il sindaco ed il capogruppo in consiglio comunale se iscritti al PD, i consiglieri regionali ed i parlamentari quando iscritti all’Unione Comunale PD di Poggibonsi, i membri delle assemblee provinciale, regionale e nazionale.

3.3 Al Segretario Comunale è dato il compito di rappresentare il partito a tutti i livelli di competenza, esprimere l’indirizzo politico sulla base della piattaforma approvata al momento della sua elezione, proporre all’assemblea le piattaforme politico-programmatiche sulle questione in cui il PD nel corso del suo mandato è chiamato ad esprimersi, dare esecuzione alle linee politiche espresse dall’Assemblea Comunale sia in occasione dell’elezione del Segretario che successivamente.

Il mandato del Segretario Comunale ha una durata di quattro anni ed è rieleggibile una sola volta e comunque per un massimo di otto anni, distribuiti anche nell’arco di tre mandati.

3.4 Al fine di gestire l’Unione Comunale del PD di Poggibonsi e perché il Segretario Comunale possa meglio dare compimento al suo ruolo, verrà affiancato da un Comitato Esecutivo proposti dal Segretario Comunale e approvati dall’Assemblea Comunale in occasione dell’elezione del Segretario medesimo.

3.5 Il Consiglio dei Garanti è eletto tra i membri dell’assemblea nel corso della riunione di insediamento ed è composto da un numero massimo di sette membri. Per le attribuzioni del collegio di garanzia, la sua durata in carica, i requisiti di eleggibilità dei suoi componenti, nonché per le incompatibilità degli stessi si fa riferimento agli articoli 40 e 41 dello Statuto nazionale. Il collegio elegge al suo interno un presidente.

3.6 Su proposta del Segretario Comunale l’Assemblea elegge, a maggioranza dei voti validi, il Tesoriere dell’Unione Comunale a cui compete la responsabilità delle attività amministrative, patrimoniali e finanziarie del partito. Il Tesoriere ha la rappresentanza legale e giudiziale, sia attiva che passiva dell’Unione Comunale. Il Tesoriere svolge tale funzione nel rispetto del principio di economicità della gestione, assicurandone l’equilibrio finanziario. Il Tesoriere dura in carica quattro anni e può essere rieletto soltanto per un altro mandato.

Art. 4 L’organizzazione giovanile

4.1 Il PD di Poggibonsi riconosce al proprio interno una organizzazione giovanile, dotata di un proprio Statuto e di propri organismi dirigenti. Essa è il soggetto politico nel quale si organizzano i giovani del Partito Democratico. Ad essa è riconosciuta autonomia organizzativa, di proposta e di iniziativa politica.

4.2 L’organizzazione giovanile ha il diritto ed il dovere di concorrere ai processi decisionali e di elaborazione politica del Partito Democratico: a tal fine, è presente con propri rappresentanti nell’Assemblea Comunale.

Art. 5 Autonomia patrimoniale, finanziaria e gestionale

5.1 Ogni articolazione definita dal presente Regolamento generale di organizzazione ha una propria autonomia patrimoniale, finanziaria e gestionale, ai sensi dell’art. 35 comma 1 dello Statuto nazionale, salvo quanto disposto dall’art. 2.4 del presente regolamento.

5.2 Ciascuna organizzazione risponde esclusivamente degli atti e dei rapporti giuridici, economici e patrimoniali da essa posti in essere e non ha responsabilità per gli atti compiuti da ogni altra organizzazione.

Art. 6 Finanziamento e trasparenza

6.1 Il finanziamento del Partito Democratico è costituito dalle risorse previste dalle disposizioni di legge, dalle quote di iscrizione, dalle erogazioni liberali degli eletti, dalle erogazioni liberali provenienti dalle campagne di autofinanziamento e dalle liberalità raccolte durante le elezioni primarie.

6.2 La gestione finanziaria si ispira ai principi di trasparenza; i propri bilanci, i finanziamenti ed il loro utilizzo vengono resi pubblici e accessibili come previsto dal codice etico del Partito Democratico.

Art. 7 Bilancio

7.1 Il Tesoriere dell’Unione Comunale provvede alla redazione del bilancio, composto dallo stato patrimoniale e dal conto economico e corredato da una relazione sulla gestione e comprendente l’attività di tutta l’Unione Comunale, compresi i circoli territoriali.

7.2 Il bilancio comunale è approvato dall’Assemblea Comunale entro il 31 maggio dell’anno successivo.

7.3 Il bilancio di previsione è approvato dall’Assemblea Comunale entro il 30 novembre dell’anno in corso.

Art. 8 Disposizioni transitorie e finali

8.1 A seguito dell’approvazione del presente regolamento, e solo fino alla prossima elezione dei rispettivi livelli, è riconosciuta valida la composizione dell’Assemblea Comunale, del Comitato di Reggenza sostitutivo del Segretario Comunale, del Comitato Esecutivo, del Tesoriere, del Consiglio dei Garanti e del Segretario dell’organizzazione giovanile.

8.2 Le elezioni dei coordinamento dei circoli e dei rispettivi segretari, l’elezione dell’assemblea comunale e del segretario che si siano regolarmente svolte tra il 14 ottobre 2007 ed il 30 settembre 2008, sono considerate valide ai sensi dell’articolo 45, comma 6 dello Statuto nazionale.